News di Edizione

Newsletter Il Mosaico
Gruppo 2 - Iscritti da 20 a 40
Gruppo 1 - Iscritti da 1 a 20
Gruppo 3 - Iscritti da 40 a 60
PrimeNews
Gruppo 4 - Iscritti da 60 a 80
Gruppo 5 - Iscritti da 80 a 100
Gruppo 6 - Iscritti da 100 a 120
Gruppo 7 - Iscritti da 120 a 140


Ricevi HTML?
Lasciando il tuo indirizzo e-mail potrai ricevere la newsletter che annuncia ogni sua nuova edizione. Il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a nessuno.

PDF Stampa E-mail


6 Maggio 2016 - Per il Governo del Paese

Dopo alcuni mesi di silenzio il Mosaicoweb riprende il filo del discorso in quanto si sta superando lo stallo della politichetta all'italiana per avvicinarsi, speriamo in modo qualificato, al nodo indifferibile del referendum sulla riforma costituzionale per il superamento dell'attuale bicameralismo italiano.
In fondo quanto affermammo ne "Il commiato del Mosaicoweb" delle Prime Pagine o nei Nostri Argomenti con "Un nuovo ventennio ?" in data 8 Dicembre 2015, è stato confermato da più punti di vista ( Vedi in R.S.- Ritagli - Elenco titoli. ) dalle cronache e dai commenti che si sono succeduti nel corso dei primi mesi del 2016.

Le novità odierne sono però date da un primo sussulto informativo per l'approvazione definitiva delle modifiche costituzionali da parte della Camera dei Deputati avvenuta il 12 Aprile u.s. ( Vedi in R.S.- Ritagli - Elenco titoli. ) e per l'avvicinarsi delle elezioni comunali di Torino, Milano e Roma, elezioni che in qualche modo vengono collegate al ben più importante traguardo referendario del prossimo autunno.

 

Andando con ordine segnaliamo, sia pure in modo sommario ma purtuttavia significativo, la situazione e l'evoluzione dei temi in via di definizione che riguardano rispettivamente : 1) la Politica - 2) la Riforma della Costituzione 3) la Giustizia - 4) Cinque Stelle e l'Associazione "Rousseau".

Per la Politica non vogliamo dire nulla di più di quello che segnalano i due articoli che a partire dalla sua "Mutazione Genetica" in relazione al referendum autunnale passano poi a "I sovranisti che spaccano la destra" ( noi diremmo anche la sinistra )  ( Vedi in R.S. - Opinioni ).

Per la "Riforma della Costituzione" nulla da aggiungere al magistrale "Senza riforme, Democrazia è guscio vuoto", mentre "Cambiare, ma non così" rappresenta l'ennesima tiritera di un costituzionalista che segnala insufficienze senza proporre concretamente possibili cambiamenti da realizzare nell'ormai tempo tecnico in scadenza.( Vedi in R.S. - Opinioni )

Invece nel "patto Fassino-Zagrebelsky" (Vedi in R.S. - Ritagli ) vogliamo cogliere la positività della separazione di temi della politica locale di Torino da quelli nazionali della riforma costituzionale, ovviamente sperando che non si tratti dell'ennesimo  rimando a tempi migliori, magari per agganciarsi a quel folto gruppo di costituzionalisti che, a progetto approvato dalla Camera dei Deputati, escono allo scoperto per proporre modifiche per nulle definite.

Per la "Giustizia" riteniamo che negli ultimi vent'anni se ne sia prlato fin troppo e che, a riforma costituzionale approvata e magari nel termine di legislatura , il tema venga posto all'ordine del giorno con priorità assoluta. Epperò non sono da trascurarsi le opinioni illustrate in "Magistratura che si auto-regolamenta" ( Vedi in R.S. - Ritagli - Elenco Titoli ) e di tutto ciò che può nascere da un dibattito puntuale che miri a rendere la magistratura in grado di rispondere efficacemente ed il più rapidamente possibile alle richieste della società nel suo complesso.

Per "I Cinque Stelle" rileviamo come sia finita la diarchia formata da Grillo e da Gianroberto Casaleggio, una reggenza di fatto, tenuta personalmente dai fondatori del Movimento e oggi sostituita dallo stesso Grillo e da Davide Casaleggio. Si ha però la novità non del tutto trascurabile della nascita dell'associazione "Rousseau" costituita da enti privati che affiancheranno il lavoro dei due reggenti e tenteranno di trasporlo nella nuova fase che si aprirà da quì alle elezioni Politiche. Per tutto ciò ci basta ricordare il vecchio detto , "se son rose, fioriranno" e con la speranza che portino poche spine per la Politica nel suo complesso.

Non vorremmo che quanto sopra riportato facesse pensare ad un nostro tasso di presunzione non suffragato da sufficiente prudenza rispetto alla realtà del nostro modesto Mosaicoweb. Tenuto conto di questa realtà, ci facciamo coraggio sperando che questa nostra piccola iniziativa possa rappresentare la scintilla per cui da Torino possa riprendere quella vocazione didattica illustrata da Lorenzo Mondo in "Il laboratorio Piemonte" nell'ormai lontano 1978. ( Vedi in Vetrina dei Libri ).

Joe Motore.


Ultimo aggiornamento ( Venerdì 06 Maggio 2016 16:06 )